“Genesi”: il ritorno di Sebastiao Salgado

Dal prossimo 15 maggio a metà settembre 2013  presso il Nuovo spazio espositivo Ara Pacis a Roma saranno presentate in prima mondiale oltre duecento fotografie del più recente lavoro di Sebastiao Salgado, “Genesi”.

Sarà intrigante vedere il punto di vista di uno dei maestri della fotografia contemporanea e dei paladini dell`approccio umanista (seppur secondo alcuni eccessivamente estetizzato), che dopo i toccanti reportage sugli umili e i fragili ha spostato l`interesse della sua concerned photography sull`incanto e l`armonia del nostro pianeta.

Salgado: “Vogliamo che un numero sempre maggiore di persone possano partecipare a questo grande risveglio di consapevolezza e coscienza ambientale. L’obiettivo è di ricongiungerci con il mondo com’era prima che l’uomo lo mortificasse fin quasi a sfigurarlo

Si noti: sono fotografie che vogliono cogliere una bellezza ancestrale con un preciso fine; non sono scatti che mostrano il “bello” e basta ma che raccontano il “bello perciò…” …e c`è una bella differenza!
Un “perciò” che non rimane implicito sotto un manto estetico, ma è il cardine di questo progetto che finora annovera trentadue reportage da luoghi come le Galapagos, l`Amazzonia, il Congo, la Nuova Guinea o l`Antartide.

Mi fermo qui e vi rimando al comunicato sul sito del Comune di Roma che offre un’ottima sintesi dell’evento e un’intelligente chiave di lettura.

Alberto Baffa

Annunci

4 pensieri su ““Genesi”: il ritorno di Sebastiao Salgado

  1. Ritengo S.Salgado un grandissimo fotografo, recentemento ho acquistato un tascabile su cui vi sono fotografie di grande impatto emotivo. Una mostra sicuramente da tenere in considerazione.Un grazie ad Alberto Baffa per la segnalazione.

  2. Grazie a te Stefano.
    “Terra” e “La mano dell’uomo” sono certamente dei pilastri della fotografia intesa come impegno civile degli ultimi decenni.
    Se i suoi scatti ti hanno emozionato anche in una edizione tascabile, considerando la cura maniacale che ha sempre avuto Salgado per la resa finale delle sue opere, poterle ammirare in grande formato ti farà girar la testa.

  3. Pingback: i bimbi di Salgado… e di McCurry | pensierifotografici

  4. Pingback: …e quindi, Salgado? | pensierifotografici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...