L’irragionevole McCullin

Di questo periodo vanno di moda gli inviti alla lettura, libri da portarsi magari sotto l`ombrellone.
Non ci sottraiamo e vi proponiamo un`autobiografia asciutta in una prosa semplice: Un comportamento irragionevole, di Don McCullin.
Solo una cautela: racconta di tormenti, ed è zeppa di immagini che inchiodano.

In breve, è il racconto che il più grande fotografo di guerra vivente fa della sua adolescenza in un duro sobborgo di Londra e del suo scivolare poi senza troppa convinzione incontro ai primi conflitti. Da lì in avanti è una presa di coscienza attraverso una discesa negli inferni umani e nelle sciagure di talmente tanti luoghi che lascio a voi scoprire, con decine di fotografie che danno una misura del suo impegno psicofisico e scandiscono il tempo degli eventi.

Fotografie di rara efficacia compositiva nonostante il tumulto della prima linea. Fotografie come memento, scattate – per usare le sue parole – per mettere alla prova la nostra capacità di ignorare.

Con McCullin l`interesse per la natura umana si stacca nettamente da quello sincero e lieve di Erwitt e tanto più da quello compiaciuto di Cartier-Bresson, focalizzandosi invece sulla dignità degli uomini e sulla sua negazione. Viceversa è evidente il testamento spirituale di Robert Capa: come lui anche McCullin si è speso per dare evidenza alle conseguenze delle guerre sui civili, ma alle storie illustrate del primo pervase di tristezza e riscatto alle volte romantico ha sostituito lame di angoscia e momenti congelati di dolore, attimi svuotati di speranza.

image7Cipro, 1964. World Press Photo

Le vicende di questo libro si fermano all`inizio degli anni ´90. Da allora McCullin fotografa essenzialmente i paesaggi nel Somerset, in quello che lui considera un percorso di salvezza interiore e che però raccontano a noi di una bellezza cupa… popolata di fantasmi.

E se di libri da leggere ne avete già troppi vi dirotto su questa bella, bella intervista.
Risale a un anno fa in occasione dell’esposizione di sue fotografie (stampate da lui) al Visa pour l’image a Perpignan 2013, un dialogo divertente, guascone e sincero, e con alcune clip audio in calce alle foto.

london_1572334i
Bogside, Irlanda del Nord, fine del 1971 e giorni prima della Bloody Sunday.
Don McCullin, a destra, fugge dalla carica di un autoblindo.

 

Alberto Baffa

Annunci

3 pensieri su “L’irragionevole McCullin

  1. grazie a te dell`intervento Andrea.
    Leggendo il libro mi sono reso conto di quanti “conflitti minori” negli ultimi decenni mi fossero passati di mente e purtroppo le primavere arabe e gli scontri che degenerano negli ultimi anni continuano a rimpolpare le statistiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...