Con Munier e D’Amicis a ragionare sul “Selvaggio”

In un contesto umano che sempre più frequente ci fa ponderare sul vero significato di “selvaggio” e sulla nostra capacità di distruggere qualsiasi cosa, trovo rassicurante sapere che è (ancora) possibile trovare aree in cui il Selvaggio è presente nella sua naturale indifferenza per tutto quel che è sovrastruttura.

Vincent Munier, plurivincitore del Wildlife Photographer of the Year, da tempo ha deciso di mettersi in proprio. Ha aperto una casa editrice e cura personalmente la produzione dei suoi libri fotografici. Dalla rilegatura alla qualità delle stampe i suoi libri sono oggetti di grande fattura.

Solitudes – che ci porta nei poli – è in due parti che raccolgono le composizioni verticali e orizzontali, entrambe in formato wide.

Solitude_11 Solitude_21

Munier sfrutta il bianco/nero naturale dell’ambiente per mostrarci gli animali e il loro comportamento con un taglio a volte iconico, a volte grafico.

Solitude_13 Solitude_12Solitude_14

Solitude_22        Solitude_23

Di più recente produzione è “La Nuit du Cerf”.

Le_nuit1

Munier torna in Francia e si occupa di un soggetto molto comune fra i fotografi naturalisti: Il cervo nel periodo del bramito. A differenza di tante cartoline però, Munier ci presenta visioni confuse, nebbiose, buie. Istanti formalmente perfetti che suggeriscono però visioni ed esperienze reali.  Il libro è accompagnato da un dvd contente non solo riprese video ma anche audio di alta qualità. Anche chi non ha mai passato una notte all’aperto, sfogliando “La nuit du cerf” con in sottofondo i suoni della foresta potrà ritrovarsi accanto a Munier, nella foresta, di notte.

Le_nuit2 Le_nuit3

Bruno D’Amicis – la cui storia sui fennec gli ha fruttato grandi riconoscimenti nel mondo fotografico, si veda il World Press Photo 2014 e il GDT 2015 – ha da poco prodotto il suo nuovo libro: Tempo Da Lupi.

Lupi1

Frutto di un lavoro durato vari anni, tempo da Lupi ci porta in Abruzzo, dove vive l’autore. Spesso il lupo si porta sulle spalle un bagaglio “culturale” assegnatogli dall’uomo. Spesso in ambito fotografico/documentaristico le immagini vengono cercate, scelte ed elaborate esclusivamente alla luce di questo bagaglio. Nel libro di D’Amicis invece, le immagini sono sempre funzionali e rispettose di questa specie sia dal punto di vista del racconto che da quello dell’etica fotonaturalistica.

Tempo da Lupi è il racconto di questa specie fatta da un fotografo che è biologo, ma è anche il racconto in prima persona di cosa significhi vivere la natura, incontrare i lupi e raccontarceli, nel 2015.

Lupi4       Lupi2  Lupi3

Tempo da lupi è acquistabile sul sito dell’autore:

http://www.brunodamicis.com/books-new.phtml

I lavori di Vincent Munier sono ordinabili da:

http://www.vincentmunier.com/shop/fr/

Francesco Cuzzola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...