Le strane famiglie di Diane Arbus

La mostra New Documents al Museum of Modern Art nel 1967 fu una svolta nella carriera di Diane Arbus: le diede notorietà e segnó un cambiamento nella traiettoria della sua opera. L’anno successivo scrisse ad un amico che stava lavorando ad un libro, il titolo di lavoro era Family Album, ma questo lavoro non fu […]

Anton Giulio Bragaglia, fotografo futurista

Vi segnalo il lavoro di Anton Giulio Bragaglia (1890-1960), un pioniere per l’uso della fotografia nella ricerca sul movimento, che è stato in varie forme uno dei temi centrali delle avanguardie storiche. Bragaglia ha fatto parte del movimento Futurista; inventore insieme ai fratelli del fotodinamismo, le sue sperimentazioni sono più simili a quelle di Marey che a quelle di […]

Alberto Giacometti, ritrattista

Cinquant’anni fa, l’11 gennaio 1966, moriva a Coira Alberto Giacometti. Per ricordare la ricorrenza, la Salm Verlag ed il Centro Giacometti di Stampa (GR) hanno pubblicato Non capisco né la vita né la morte, una bella raccolta di fotografie e ricordi degli ultimi anni di vita dell’artista, nei periodi che trascorreva tra le montagne dei Grigioni, incluse le […]

Robert Frank e la mostra democratica

A New York, presso la Tisch School of the Arts della New York University, si é da poco conclusa la mostra Robert Frank, Books and films, 1947-2016. Concepita da Robert Frank e Gerhard Steidl, l’editore della Steidl Verlag, la mostra presenta per la prima volta la serie completa dei film restaurati oltre a fotografie, libri e provini a […]

Ma questa è arte?

Questo poteva farlo mio figlio di tre anni, e lo faceva pure meglio!!! Ma cos’è, una tela tutta nera? Un foto storta e sfocata? E cosa vorrebbe dire? E chi lo dice poi che questa è arte? Con che autorità i critici e le gallerie lo stabiliscono? Quattro milioni e trecentomila dollari per una foto deprimente della riva […]

Le mode di plastica, cento anni fa

“Come in ogni attività artigianale, varie erano le operazioni, prima di arrivare al prodotto finito, all’immagine che sarebbe stata presentata al cliente. Così, tra i lavori che si succedevano con ritmo regolare, il più incomprensibile, strano e che ritenevo noioso (e tale doveva sembrare anche a mio padre) era il ritocco. Davanti alla finestra del […]